Chiesa di San Antonio

Costruita nel 16° secolo

Chiesa di San AntonioLa Chiesa di San Antonio (conosciuta anche come Chiesa dell’Annunciazione) è la più vecchia chiesa a Bucarest. È situata nel centro della città vecchia, in Via Francese.

La chiesa nel 19° secolo
La chiesa nel 19° secolo

La chiesa fu fondata nel 16° secolo dal sovrano rumeno Mircea Ciobanul, sotto il nome di Chiesa dell’Annunciazione. Per secoli, la chiesa servì come luogo d’incoronazione per molti sovrani della Romania.

Nel 1847, la Chiesa di San Antonio, che era situata molto vicino alla Chiesa dell’Annunciazione, nella Piazza San Antonio, venne completamente distrutta dal devastante incendio di Bucarest, che scoppiò nell’edificio di fronte. In memoria della chiesa distrutta, la Chiesa dell’Annunciazione prese il suo vecchio patrono, San Antonio.

La Chiesa di San Antonio durante i restauri
La Chiesa di San Antonio durante i restauri

Poco dopo l’incendio, la nuova Chiesa di San Antonio venne rinnovata dall’architetto austriaco Johann Schlatter e ricevette una facciata neoclassica. La chiesa riprese il suo aspetto originario dopo che fu restaurata dall’architetto rumeno Horia Teodoru tra il 1928 ed il 1935.

1 commento

  1. Nel mezzo del centro storico

    La Chiesa di San Antonio è una bella chiesa vecchia, che si trova nella parte più antica della città, vicino alla Corte Vecchia. Ho letteralmente amo le pareti in mattoni della chiesa, sono abbastanza incantevole, anche se sono difficilmente visibili a Bucarest.

    Posso solo raccomandare un viaggio alla chiesa. Il mio consiglio: Vieni qui Domenica mattina e si assiste alla Santa Messa. Non devi essere necessariamente all’interno, prendere posto su una panchina nel piccolo giardino accanto alla chiesa, grazie agli altoparlanti all’esterno della chiesa sarete in grado di sentirlo!

Vota e scrivi una recensione

Strada Franceză 33
București Municipiul București RO
Ottieni le direzioni

Created by potrace 1.13, written by Peter Selinger 2001-2015 background Layer 1 Created by potrace 1.13, written by Peter Selinger 2001-2015